Il Padiglione Monferrato per Expo alla Galleria Meravigli di Milano

Dal 4 al 13 settembre: il programma completo degli appuntamenti

CASALE MONFERRATO

La Galleria Meravigli, nel centro storico di Milano a due passi dal Duomo, ospiterà dal 4 al 13 settembre il Padiglione Monferrato per Expo. Nella splendida cornice per 10 giorni più di 50 produttori e aziende con i Comuni del territorio casalese rappresenteranno il Monferrato e le sue eccellenze soprattutto nel settore della filiera agroalimentare ed enogastronomia, con l’obbiettivo di far conoscere le potenzialità che il casalese è in grado di offrire in termini di sostenibilità e qualità della vita.

Nell’ampia galleria centrale un’area convegni da novanta posti in cui un maxischermo proporrà le peculiarità del territorio. Non mancheranno, inoltre, convegni rivolti a un pubblico internazionale: quotidianamente ci si soffermerà su alcuni aspetti caratteristici del territorio.

La qualità della vita, dell’aria, dei prodotti enogastronomici, la tutela e la valorizzazione del patrimonio, la produzione culturale, l’innovazione tecnologica, i valori universali come punti di riferimento per essere una città europea sono solo alcuni dei temi affrontati nel calendario del Padiglione Monferrato per raccontare il territorio divenuto Patrimonio dell’umanità Unesco il 22 maggio 2014.

Il progetto è stato voluto dal Comune di Casale Monferrato in partnership con l’associazione GeoMonferrato e il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Casale Monferrato e Circondario, e con il patrocinio delle organizzazioni agricole Coldiretti, Confederazione Italiana Agricoltori e Confagricoltura, all'interno del palinsesto di ExpoInCittà, che riunisce i più importanti avvenimenti della città di Milano in concomitanza con Expo2015.

PROGRAMMA

4 settembre INAUGURAZIONE

Illustrazione del significato della dieci giorni nel palinsesto dell'Expoincittà con presentazioni,degustazioni e vendita dei migliori prodotti tipici: il territorio si apre cavalcando i dei temi di Expo2015, "nutrire il pianeta, energie per la vita" che nel Monferrato trovano una naturale collocazione, per far conoscere le eccellenze dell'ambiente e del paesaggio che hanno decretato il riconoscimento Unesco, l'agricoltura ed i prodotti tipici, ma anche la tradizione, sostenibilità e specializzazione del mondo industriale, le ragioni che portano a definire qui la qualità della vita. Il significato del Padiglione Monferrato per Expo, nato da un progetto sviluppato in stretta sinergia tra il Comune di Casale Monferrato e l'Associazione Geomonferrato dei Geometri e Geometri Laureati del Collegio di Casale.

5 settembre STORIA E CULTURA DEL MONFERRATO

La giornata è dedicata alla ricchissima storia del territorio e del suo capoluogo Casale Monferrato, i temi culturali presentati riguardano l'arte ed il patrimonio architettonico, ma vanno anche dall'Arte Contemporanea all'Archeologia Industriale che qui trova radici profonde nell'epopea dell'estrazione mineraria sulle colline del Po della marna e nella successiva produzione del cemento; ancora legata all'estrazione di un altro materiale da costruzione, viene raccontata ed illustrata la storia della pietra da cantone, che occupa uno spazio fondamentale nella caratterizzazione del paesaggio e della storia di altra parte di altri comuni del territorio.

6 settembre VIVERE ALL'APERTO GLI SPORT AMBIENTALI NEL MONFERRATO

Il territorio del Monferrato per la sua configurazione offre un ventaglio completo di opportunità per la pratica di discipline sportive vissute all'aperto, la giornata è dedicata all'illustrazione degli sport ambientali che sono così riassumibili: cicloturismo (innumerevoli possibilità si offrono ai ciclisti su strada ed in Mountain byke, con percorsi che vanno dal Po, progetto Vento, sino alle dolci colline cuore dell'Unesco),paracadutismo, volo sportivo, easy rafting sul Po, golf.

7 settembre "LA FORMA DELL'ACQUA" nel Monferrato Casalese

La giornata è dedicata all'acqua nel territorio del Monferrato che ricopre da sempre, qui più che altrove, un ruolo fondamentale, spesso dimenticato o dato anche semplicemente per scontato: dalla sua disponibilità e dalle sue caratteristiche qualitative dipende non solo la vita dei suoi abitanti disseminati nella miriade delle frazioni di oltre cento comuni, ma altresì l'eccellenza delle produzioni agricole della pianura del Casalese, dall'arboricoltura alla produzione dei risi e dei cereali ed altri prodotti alimentari destinati a mercati estremamente esigenti. L'acqua però non è un bene infinito ed allora qui emergono, grazie ai soggetti deputati al controllo e gestione, le capacità di gestione e di controllo indispensabili al rispetto di una risorsa naturale che, più di altre, esige la sostenibilità del suo sfruttamento.

8 settembre L’AMBIENTE DEL MONFERRATO, INGREDIENTE IMPRESCINDIBILE PER LA QUALITA’ DELLA VITA E L’ECCELLENZA DEI PRODOTTI DELLA SUA AGRICOLTURA

Come l'acqua anche l'aria ed il contesto ambientale complessivo rivestono un ruolo primario nel determinare la qualità della vita degli abitanti: Casale Monferrato ed il suo territorio si misurano e si confrontano per confermarsi un luogo d'eccellenza anche sotto questo profilo, oltre che per la biodiversità della sua natura, già oggi la qualità dell'aria supera ampiamente gli standard qualitativi europei, ma queste peculiarità sono anche alla base di una produzione agricola di altissima qualità, con prodotti eccezionali per declinare al meglio la dieta mediterranea

9 settembre AGRICOLTURA DEL MONFERRATO: I PRODOTTI TIPICI

Le organizzazioni agricole del territorio di Casale presentano i prodotti tipici con degustazioni che faranno comprendere ai visitatori la vivace realtà del Monferrato, ma anche i Comuni creeranno eventi legati alla propria tradizione enogastronomica, dalla preziosità del tartufo al bue grasso, dalla muletta ai sapori delle DECO, ma i comuni sono oltre venti........ Una giornata dedicata ai veri appassionati di enogastronomia che si concluderà con la celebrazione dei dolci tipici di Casale Monferrato, pluripremiati sin dall'800, i Krumiri, declinati per l'occasione con lo zabaione...

10 settembre PAESAGGI UNESCO DEL MONFERRATO 

Elemento dominante del Monferrato è il suo paesaggio, il territorio ha ottenuto il secondo riconoscimento da parte dell'Unesco, dopo il santuario di Crea: colline che dominano la pianura definita anche come il mare a quadretti, ed in mezzo il Po, con uno spettacolare paesaggio fluviale che per la sua unicità non trova eguali nel resto del suo percorso e che fa da cerniera tra due mondi agricoli con specialità ovviamente diverse, ma assolutamente complementari, la giornata è dedicata alla tipicità degli infernot, cantine come scrigni preziosi per il vino, scavate però nei secoli nella pietra da cantone utilizzata poi per costruirci sopra le abitazioni rurali, veri capolavori di ingegneria rurale ora patrimonio dell'umanità. Ma paesaggio, sapori e cultura nel Monferrato sono in realtà una cosa sola, ed anche nella Galleria Meravigli si fondono insieme al termine della giornata con la rappresentazione teatrale dei quattro Moschettieri del Vino.

11 settembre IL MONFERRATO: LA TRADIZIONE DI INDUSTRIE D’ECCELLENZA

Dall'economia agricola dell'Unità d'Italia, Casale già nell'800 conosce tra i primi la sinergia tra il mondo agricolo e lo sviluppo industriale, un patto che inizialmente trova le sue radici nel doppio lavoro delle sue genti, contadini ed operai, ma che oggi si declina in forme diverse con una volontà tipicamente monferrina che vede le sue migliori industrie confrontarsi nella difficile competizione mondiale in vari settori, le industrie del casalese che rappresentano le eccellenze produttive nel Padiglione Monferrato per EXPO sono quelle anche nella filiera agroalimentare ed agroindustriale, ma anche nella logistica e nel packaging alimentare.

12 settembre TERRA DI VINI DOC, UNA SIGLA NATA NEL MONFERRATO

Giornata interamente dedicata ai vini del Monferrato, dagli storici Grignolino e Barbera al Barbesino, presentazione del Torchio d’Oro, ma anche la storia della viticoltura casalese con la nascita della DOC, il controllo sulla qualità dei vini nell’interesse dei produttori e dei consumatori, una giornata dove si potranno conoscere i vini da vitigni autoctoni rari del Monferrato, degustazione guidata, con Malvasia greca, Grignolino, Ruché; e poi degustazioni ed accostamenti enogastronomici che faranno comprendere appieno la tradizione e l’altissima qualità della produzione del Monferrato.

13 settembre CONCLUSIONI

Al termine del viaggio virtuale le conclusioni con il riassunto delle ragioni che portano ad affermare che il Monferrato, oggi più che mai, è un territorio già proiettato verso un futuro sostenibile, ma che già oggi offre grandi opportunità, un territorio fatto di paesaggi, gusti, sapori, tradizioni arte e cultura, un territorio dove coloro che vorranno potranno certamente trovare un bene prezioso: la qualità della vita.

Redazione On Line
Ricerca in corso...