Ampia partecipazione a 'Voglia di impresa' al Castello del Monferrato

All'evento ha partecipato anche l'assessore regionale al Lavoro Elena Chiorino. Il sindaco Federico Riboldi: 'Importante aiutare chi ha voglia di fare'

CASALE MONFERRATO

(Da sinistra il sindaco Federico Riboldi, il presidente del consiglio comunale Fiorenzo Pivetta, l'assessore regionale al Lavoro Elena Chiorino, l'assessessore Luca Novelli)

Un folto pubblico, composto da numerose persone interessate all'argomento, ha partecipato ieri, mercoledì 16 ottobre, al Castello del Monferrato, a 'Voglia d'impresa', un evento organizzato dalla Regione Piemonte nell'ambito del programma regionale Mip – Mettersi in Proprio', che grazie alle risorse del Fondo sociale europeo si propone di sostenere concretamente chi intende avviare una nuova attività imprenditoriale o professionale.

Ad aprire le danze il sindaco Federico Riboldi che, salutando e inaugurando la giornata dedicata alle persone che vogliono avviare un percorso lavorativo in proprio, ha ricordato che dal lavoro parte tutto e che la Regione scende in campo sui territori operativamente facendo appassionare le persone. Un ringraziamento speciale all'ospite d'onore della giornata, l'assessore regionale al Lavoro Elena Chiorino.

(L'intervento del sindaco Federico Riboldi)

Riboldi ha poi ringraziato il presidente del Consiglio Comunale Fiorenzo Pivetta, seduto accanto a lui, e l'assessore alle Politiche Sociali Luca Novelli e ha sottolineato come questa iniziativa “permetta oggi alle persone intervenute di capire come crescere, e dà spazio a chi vuole fare impresa, una mossa vincente perché si aiuta proprio chi ha voglia di fare. Non è facile, ma ci sono tutte le carte in regola perché, attraverso la collaborazione stretta con la Regione, in un Comune avvenga la razionalizzazione del personale, l’attività prestante di uno sportello unico delle attività produttive, la creazione di un’agenzia di sviluppo a livello locale, e infine uno stretto legame con le scuole dal punto di vista formativo, affinché gli istituti diventino sempre più professionali e dedicati allo studio/lavoro”.

Ricerca in corso...