A metà gennaio un vertice sull'emergenza amianto con tre ministri e la Regione

Ieri il primo incontro fra il ministro Balduzzi e le delegazioni del Comune e dell'Afeva: 'A Casale un ruolo centrale nella strategia nazionale'

ALESSANDRIA

Ieri pomeriggio si è svolto l’atteso incontro fra il ministro della Salute Renato Balduzzi e le delegazioni casalesi: prima quella guidata dal sindaco Giorgio Demezzi, con il vicesindaco Giuseppe Filiberti e l’assessore all’Ambiente Vito De Luca, poi quella dell’Afeva – Associazione Familiari Vittime Amianto – composta dalla presidente Romana Blasotti Pavese e da Bruno Pesce, dei sindacati (Nicola Pondrano, Luigi Ferrando e Mauro Casucci),a cui si è aggiunta anche Federica Grosso, medico dell’Aso di Alessandria specializzata in terapie dei tumori rari. Non si è praticamente parlato dell’offerta Schmidheiny (la cui nota vicenda è all’origine di questo incontro) quanto piuttosto del ruolo che Casale deve ricoprire nella “strategia nazionale di contrasto alle malattie correlate all’amianto e alle azioni di bonifica”. Un nuovo incontro, probabilmente decisivo, si svolgerà a metà gennaio, a Roma, coinvolgendo anche i ministri dell’Ambiente Corrado Clini e dello Sviluppo Economico Corrado Passera e la Regione Piemonte. Di seguito il comunicato stampa emesso dal Ministero della Salute.

COMUNICATO STAMPA DEL MINISTERO DELLA SALUTO IN MERITO ALL’INCONTRO CON LA DELEGAZIONE DEL COMUNE DI CASALE SULLA QUESTIONE AMIANTO

“Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, ha incontrato nella prefettura di Alessandria, presenti il prefetto e il questore, la delegazione del Comune di Casale Monferrato, guidata dal sindaco Giorgio Demezzi, accompagnato dal vice sindaco e dall’assessore all’Ambiente”.

“Al termine del costruttivo incontro è stato deciso di avviare un percorso, in tempi brevi, volto a permettere al Comune di Casale Monferrato di esercitare un ruolo importante nella strategia nazionale di contrasto alle malattie correlate all’amianto e alle azioni di bonifica”.

“Il ministro della Salute, nel sottolineare il carattere di emergenza nazionale del problema amianto, si farà promotore, a metà gennaio, di un incontro a Roma tra la delegazione del Comune di Casale Monferrato e le amministrazioni centrali e regionali interessate (ministero dell’Ambiente, ministero dello Sviluppo Economico, Regione Piemonte) nel corso del quale saranno altresì valutate le proposte che il sindaco Demezzi ha consegnato al ministro in ordine alle linee di ricerca sul mesotelioma e all’attività del centro di ricerca e prevenzione sui rischi amianto”.

Redazione On Line
Ricerca in corso...